Rito propiziatorio per la venuta del Sole

21 Giu

Non mi ricordo una vigilia di solstizio d’estate più piovosa della giornata di ieri. Indispettita dalla pioggia ho dato il via al mio personale rituale e mi sono consolata con un film dalle atmosfere afose: La lunga estate calda (The Long, Hot Summer – 1958) .

Con questo film Paul Newman vinse il premio per il miglior attore al Festival di Cannes.

La storia, tratta dall’opera narrativa di William Faulkner (Nobel nel 1949), soprattutto dal suo The Hamlet, è ambientata nel profondo sud degli Stati Uniti, in un paesino chiamato Frenchman’s Bend, “soffocante come un busto”.

Qui arriva Ben Quick (Paul Newman) accompagnato dalla sua fama di incendiario. Will Varner (Orson Welles), padrone del paese, riconosce in lui la forza di un “toro da esposizione” e decide di dargli la possibilità di farsi una posizione sociale offrendogli un lavoro e sua figlia Clara (Joanne Woodward) in sposa.

Paul Newman e Joanne Woodward si erano già conosciuti nel 1953, a Brodway, dove entrambi recitavano come attori sostituti in Picnic. All’epoca, però, Newman era già sposato e fu solo quando si ritrovarono sul set de La lunga estate calda che capirono di non volersi più separare. Lui ottenne il divorzio e meno di una settimana dopo si sposarono a Las Vegas.

Quando gli chiesero per l’ennesima volta quale fosse il segreto del suo matrimonio con la Woodward (50 anni insieme), Newman rispose:
“I don’t know what she puts in my food”.

“C’è una fiera di beneficenza la settimana prossima.
Si metta un vestito bianco e un fiocco in testa
e le farò ballare il valzer intorno alla Luna.
Clara.
Cla-a-ara.
Claa-aa-aara.”

Segue inquadratura di Clara compresibilmente turbata.

2 Risposte to “Rito propiziatorio per la venuta del Sole”

  1. VicKy 24 giugno 2010 a 2:22 pm #

    Ho sognato per anni il Paul Newman di questo film, per anni… ho amato la sceneggiatura, i personaggi, tutti, da Anthony Franciosa al mitico Orson Welles, da Lee Remick alla ‘sempre in giallo’ Angela Lansbury🙂 e la storia d’amore, così giustamente reale, come hai sottolineato tu! Giusto un film da vedere sotto la pioggia per aspettare il sole che, a volte, può arrivare sotto le spoglie di un uomo bellissimo come Paul Newman😉

  2. Rosmilla 24 giugno 2010 a 3:17 pm #

    Ci siamo capite!😀

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: