Ispirazioni: Anne Baxter

13 Lug

Chi ha visto quel capolavoro che è Eva contro Eva (All about Eve – 1950) non può non ricordarla, doppiata da Dhia Cristiani, nei panni di Eva Harrington, uno dei personaggi più indisponenti mai visti al cinema.

Solerte aiutante tuttofare della grande attrice di teatro Margo Channing (Bette Davis), scena dopo scena Eva alimenta nello spettatore un risentimento che cresce fino a fargli esclamare: “Povera! Povera Margo!”, il che per la legge dell’identificazione narrativa significa dare della “poverina” a Bette Davis. No, dico, “poverina” a Bette Davis! Un vero nonsenso!

Questo la dice lunga sulla bravura della Baxter, che di Eva disse “She was the bitchiest person I ever saw”.

Il film vinse premi su premi. Bette Davis, grandiosa nel suo ruolo di Margo, ebbe fra gli altri, il Nastro d’Argento e la Palma d’oro (e trovò in Gary Merrill il suo quarto marito).

Anne Baxter si rifiutò di concorrere per l’Oscar come miglior attrice non protagonista e pretese, giustamente, la stessa categoria di Bette Davis, ma entrambe persero e l’Oscar del 1951 per la miglior attrice protagonista andò a Judy Holliday, interprete di Nata ieri.

Eva contro eva vinse, comunque, sei statuette: film, regia, sceneggiatura, George Sanders (attore non protagonista), suono e… costumi.

Gli abiti erano di Charles Le Maire e di Edith Head, che di Anne Baxter fu una buona amica, tanto da fare da madrina ad una delle sue tre figlie, Melissa, e lasciare in eredità a quest’ultima la propria collezione di gioielli.

Nel film di vestiti stupendi se ne vedono parecchi, indosso a Bette Davis, Celeste Holm e Marilyn Monroe (che in questo film ha una piccola parte). 

Tuttavia l’abito scuro che Eva veste al party di Margo, con il merletto bianco che le cinge le spalle, ingentilendo l’ampia scollatura, è unico.

E la mantella chiara con collo alla stuarda e ricamo asimmetrico, abbinata al vestito che Eva indossa alla propria premiazione, vale da sola l’Oscar.

Per quanto riguarda la carriera della Baxter (nipote del grande architetto Frank Lloyd Wright), si può dire che fu poliedrica: cinema, teatro e tv.

Al cinema vinse l’oscar per Il filo del rasoio (1946), dove aveva il ruolo secondario di Sophie MacDonald, una brava ragazza, felice di quel che ha e su cui la sventura, aiutata dalla perfida protagonista (Gene Tierney), si accanisce, fino a portare l’infelice alla perdizione morale e alla conseguente, inevitabile, tragica fine. Fu grazie a questo film che Anne venne presa in considerazione per Eva contro eva.

Lavorò con Orson Welles, Alfred Hitchcock e Fritz Lang. E… ad ogni festa comandata noi la rivediamo come Nefertari ne I dieci comandamenti (1956), insieme a Yul Brynner, che fa Ramesse.

A teatro, recitò anche nel musical tratto per Broadway da Eva contro eva, Applause, ma nel ruolo di Margo Channing.

In tv sostituitì Bette Davis, malata, nello sceneggiato Hotel (destino beffardo!) ed interpretò davvero di tutto, compresi un episodio del Tenente Colombo, quattro di Love Boat e diversi della serie Batman nelle vesti bislacche di Zelda la Grande e Olga Regina dei Cosacchi… quel che si dice un’attrice completa!

“Anche se non ci fosse altro, ci sono gli applausi.
Ho ascoltato dalle quinte il pubblico applaudire.
Sono come… ondate d’amore che invadono la scena e ti avvolgono tutta!
Che meraviglia sapere che ogni sera centinaia di persone ti vogliono bene!
Ti sorridono con gli occhi lucidi. Ti ammirano. Ti chiamano. Ti invocano!
                                             Questo è… veramente tutto.”

6 Risposte to “Ispirazioni: Anne Baxter”

  1. koralyn 13 luglio 2010 a 3:05 pm #

    Cara Rosmilla,
    mi sa che in fatto di cinema abbiamo molti gusti in comune. “Eva contro Eva” è uno dei miei film preferiti, uno di quelli che ricorderò per sempre perché la prima volta che lo vidi da ragazzina mi stregò, lasciandomi letteralmente i brividi, per le interpretazioni magistrali delle due protagoniste, per la storia, per come è raccontata, una sceneggiatura perfetta, insomma un po’ per tutto.
    Ho adorato Bette Davis in questo film (ma anche negli altri, eh!); il modo in cui si rivolge al marito chiamandolo con calcolata noncuranza “consorte”, come se fosse assolutamente accessorio (!!), ed è vero che ci si identifica benissimo nel suo personaggio, dato che da subito è chiaro che Lei è la Buona, l’Altra è chiaramente la cattiva. E poi invece il finale, in cui la storia si ripete e la Cattiva sta per scoprire che c’è qualcuno cattivo almeno quanto lei e pronto a farle le scarpe… Che meraviglia!!
    p.s. i vestiti sono straordinari!

  2. Rosmilla 14 luglio 2010 a 11:35 am #

    Ehhh Koralyn, ma avere gli stessi gusti con Eva contro Eva è troppo, troppo facile!😀

  3. VicKy 14 luglio 2010 a 8:16 pm #

    Io vorrei “…la mantella chiara con collo alla stuarda e ricamo asimmetrico”! E’ meravigliosa! Ma trovo che meravigliosi siano i tuoi post cinema-sartorial-critical-curiosity!🙂

    Non sapevo proprio che la Baxter fosse la nipote del mitico Frank Lloyd Wright! Secondo me, dovremmo creare un angolo nel portale di cinema con articoli di questo genere… funzionerebbero! Oppure dovremmo mettere un sito a parte: A Band Apart…anche se il nome l’ha già usato qualcuno!

  4. Rosmilla 15 luglio 2010 a 10:43 am #

    Vicky, che complimento bello bello che mi hai fatto! Addirittura un megaloaggettivo tutto miooo!😀

    Ero sicura che la parentela architettonica della Baxter ti avrebbe interessata, Frank Lloyd Wright era il nonno materno.

  5. koralyn 15 luglio 2010 a 9:24 pm #

    Io invece vorrei il vestito col merletto sullo scollo e soprattutto voglio che mi stia come sta a lei!!!🙂
    p.s. certo che è “troppo facile” con Eva contro Eva, ma non si sa mai… Dunque aspetto i tuoi prossimi post sarto-cinematografari per vedere se abbiamo altri gusti in comune😉

Trackbacks/Pingbacks

  1. A lezione di marketing da Gladys Glover « - 11 febbraio 2011

    […] Vinse un Oscar come migliore attrice per Nata ieri, ma al cinema non le furono più offerti ruoli degni del suo livello o che si discostassero troppo dal personaggio di Billie Dawn, che le aveva permesso di aggiudicarsi la statuetta (nello stesso anno delle candidature di Bette Davis e Anne Baxter per Eva contro Eva). […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: